FacebookWhatsAppTwitterGoogle+

lavoroLa stabilità in servizio degli operatori è un elemento essenziale per assicurare la qualità degli interventi, soprattutto in campo socio-educativo, così come la qualità degli interventi è di per sé un antidoto del turn over. Per alimentare questo circolo virtuoso perseguiamo un’ottica di miglioramento continuo delle condizioni di lavoro, attraverso un processo dinamico di cura della qualità della vita dei soggetti al lavoro (welfare aziendale, conciliazione famiglia-lavoro, percorsi di crescita professionale) e cura dei processi di lavoro. I dati ci confermano un tasso di turn over negativo molto contenuto (inferiore al 10%) e pensiamo che questo sia riconducibile ad alcuni fattori:

  1. Elementi di miglioramento delle condizioni economico-contrattuali degli operatori: da sempre applichiamo integralmente il CCNL di settore e il contratto integrativo provinciale, senza alcuna deroga, riconoscendo significativi elementi migliorativi tra cui: il riconoscimento del buono pasto per le giornate lavorative di almeno 6 ore; il rimborso chilometrico per tutti gli spostamenti con il proprio automezzo legati a cause di servizio senza limiti di chilometraggio; la copertura di ogni spesa sostenuta durante le attività operative; l’attivazione di una rete telefonica aziendale con relativa dotazione telefonica individuale.
  2. Cura della qualità della vita dei soggetti al lavoro: dall’attivazione di programmi specifici di conciliazione tra tempi di vita e di lavoro alla promozione di forme mutualistiche, la nostra organizzazione ha attivato interventi di welfare aziendale, rivolti innanzitutto ai genitori con figli minori. Nel campo della conciliazione, anche grazie a 2 progetti dedicati, “Come si Cambia” (finanziato dal Ministero Politiche per la Famiglia) e “ConciliArti” (finanziato da Regione Lombardia) nel periodo 2013-2015 abbiamo assicurato: erogazione di contributi economici ai dipendenti, a copertura parziale dei costi relativi a rette di asili nido e/o altri servizi per la fascia 0-3; un servizio gratuito di Baby Sitter per supportare le figure professionali impegnate in orari pomeridiani e serali; centri ricreativi diurni durante i periodi di chiusura delle scuole e delle agenzie educative, con frequenza gratuita riservata ai figli dei dipendenti; offerta di soggiorni climatici invernali per lavoratrici/tori e familiari all’interno di strutture convenzionate; servizi di time saving gratuiti (servizio aziendale di stireria e di pulizie domestiche straordinarie); percorsi di potenziamento cognitivo / supporto al metodo di studio riservati ai figli dei dipendenti. Sempre in ambito conciliazione sono attive tutte “leve organizzative”: la diffusione di postazioni di telelavoro (in particolare per il personale amministrativo e di coordinamento); il diffuso ricorso al part time e all’istituto della flessibilità oraria (banca delle ore); la definizione e il monitoraggio dei piani di congedo per lavoratrici e lavoratori. Sono attivi, inoltre, interventi di welfare aziendale indiretto, a forte orientamento mutualistico, tra cui: piani di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori dipendenti (interamente a carico della cooperativa) attraverso una convenzione con la società mutualistica “Insieme Salute” http://www.insiemesalute.org; convenzioni con fornitori di beni e servizi per garantire ai dipendenti sconti economici e condizioni favorevoli nell’erogazione dei servizi.
  3. La Cura della qualità dei processi di lavoro e il sostegno al ruolo costituiscono un’altra delle nostre delle cifre identitarie. Tra i principali interventi: l’accompagnamento degli operatori attraverso momenti di sostegno al ruolo, assegnando ad ogni singolo operatore un tutor aziendale; un servizio interno gratuito di sostegno psicologico mirato rivolto agli operatori in difficoltà (5 colloqui condotti da psicologa-psicoterapeuta); la proposta mirata e individualizzata di formazione e aggiornamento; il progressivo coinvolgimento nella vita sociale della Cooperativa, anche attraverso la condivisione della mission d’impresa; un’attenzione alla trasparenza nei processi di Job Evaluation, tramite la consegna di Job Description relative ad ogni singola posizione professionale e la definizione di obiettivi e periodici momenti di valutazione del personale; una consolidata attenzione ai temi della sicurezza sui luoghi di lavoro, con percorsi di formazione e informazione permanente, nel pieno rispetto degli obblighi di legge.